Categorie

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

La Storia

Nascita e Sviluppo

1861-1910


Dopo l’Unità d’Italia gli agricoltori non ebbero un’associazione nazionale che li rappresentasse, anche perché la classe politica al governo, prima la “Destra storica” poi la “Sinistra”, erano in parte espressione della proprietà fondiaria.

Durante la successiva età giolittiana l’associazionismo agricolo si realizzò tramite la Società degli Agricoltori Italiani – SAI (Roma, 1895) – , che svolgeva funzioni di organizzazione economica e di gruppo di pressione politica, e la Confederazione Nazionale Agraria – CNA(Bologna, 1910) –  , con funzioni di contrattazione sindacale.

1910-1920

Il secondo periodo va dalla nascita della CNA alla costituzione, dopo la fine della Prima guerra mondiale, della Confederazione Generale dell’Agricoltura – Confagricoltura (Roma, 1920)  la prima associazione agricola italiana con funzioni unitarie di rappresentanza economica, politica e sindacale.

In essa, infatti, confluirono la SAI e la CNA.

1920 -1944

Durante il terzo periodo, che comprende la fine dello stato liberale, il ventennio fascista e gran parte della Seconda guerra mondiale, abbiamo la Federazione Italiana dei Sindacati Agricoli – FISA (Roma, 1922) , poi la Confederazione Nazionale Fascista degli Agricoltori – CNFA (Roma, 1926)  che assorbì la Confagricoltura e la FISA, infine la Confederazione Fascista degli Agricoltori – CFA (Roma, 1934).

Associazioni di apparato corporativo dell’epoca.

1944 - 2008

Nel corso del quarto periodo, che arriva fino ai nostri giorni e di nuovo in regime di democrazia e di libertà sindacale, abbiamo l’Associazione Nazionale Agricoltori – ANA (Taranto, 1944) – , la Federazione Italiana Degli Agricoltori  FIDA (Roma, 1944)  la Confederazione Italiana Degli Agricoltori – CONFIDA (Roma, 1945)  e la Confederazione Generale dell’Agricoltura Italiana – CONFAGRICOLTURA (Roma, 1948).

L’attuale Confagricoltura, oltre a svolgere le “tradizionali” funzioni di natura economica, politica e sindacale, offre agli agricoltori una vasta gamma di servizi alle imprese.

Evoluzione storica della Confagricoltura in Italia

1985

SAI: Società Agricoltori Italiani

1910

CNA: Confederazione Nazionale Agraria

1922

FISA: Federazione Italiana Sindacati Agricoli

1926

CNFA: Confederazione Naz.le Fascista Agricoltori

1934

 CFA: Confederazione Fascista Agricoltori

1944

ANA: Associazione Nazionale Agricoltori

1944

FIDA: Federazione Italiana Degli Agricoltori

1945

CONFIDA: Confed. Italiana Degli Agricoltori

1948

CONFAGRI: Confed. Generale Agricoltura Italiana

Evoluzione storica della Confagricoltura in Italia

La Confagricoltura è organizzata con una sede nazionale, a Roma, un ufficio a Bruxelles, ed in modo capillare sul territorio con 18 Federazioni Regionali e 95 Unioni Provinciali ed Interprovinciali.

Le Federazioni regionali coordinano le Unioni provinciali dalle quali sono costituite e le rappresentano nei confronti degli enti.

Le Unioni Provinciali Agricoltori (UPA) perseguono gli obiettivi confederali a livello territoriale. Hanno il contatto diretto con gli agricoltori loro associati e sono a loro volta socie della Confederazione. Sono articolate in una sede provinciale ed in uffici di zona e recapiti che garantiscono lo stretto contatto con il territorio, facilitando lo svolgimento delle attività e dei servizi.

Attualmente su tutto il territorio nazionale gli Uffici di zona sono 380 ed i Recapiti sono 491.

WordPress Theme built by Shufflehound. © 2017 Confagricoltura Latina - p.iva 80000970592 | by Aleado